forex trading logo

Riparazione Lande PDF Stampa E-mail
Scritto da Daniele Mencaroni   
Mercoledì 12 Ottobre 2011 07:43

Come primo argomento tecnico tratteremo il vero ed unico tallone d'Achille delle nostre bellissime derive S: il cedimento delle lande di supporto alle sartie.

Prima di tutto una breve premessa tecnologica.

Il cantiere Alpa costruiva le S resinando a murata una fettuccia di acciaio inox di sezione approssimativa 2x15 mm; questa resta aderente allo scafo partendo dal basso vicino ai longheroni esterni fino alla coperta dove si unisce ad un manicotto in acciaio inox grazie ad un rivetto o spina. Solitamente le lande si strappano in corrispondenza di questo rivetto o poco più sotto, mai per colpa del manicotto.

Diversamente dall'opinione comune la causa del cedimento NON è da imputare alla resinatura nello scafo ne tanto meno al famigerato rivetto - almeno non direttamente.

E' infatti proprio la landa in acciaio inox che cede; questo perchè in corrispondenza del rivetto si accumula sporcizia, sabbia, sale ed altro che impedisce all'acciaio di "passivarsi" correttamente, favorendo così la corrosione.

Bene, una volta capita la causa del problema sarà più facile trovare la soluzione!

Iniziamo la riparazione:

Tagliare una finestra rettangolare o ovoidale di dimensioni 200x300 mm, in corrispondenza delle lande.

 

Con la smerigliatrice angolare e disco abrasivo asportare tutta la vetroresina che avvolge la landa in acciaio cercando di non molare anche lo scafo.

Attenzione specialmente nella parte inferiore della landa, maggiormente annegata nella vtr.

La landa può essere estratta a mano o con l'aiuto di uno scalpello.

Per rimuovere il rivetto è necessario forare ed estrarre il perno con un bulino.

E' consigliabile ricostruire interamente la landa in acciaio poichè la corrosione avrà indebolito una zona notevolmente estesa intorno al punto di rottura. Alternativamente si può tagliare la vecchia landa e resinarla più in alto, per conservare la distanza dall'incappellaggio delle sartie.

Nella riparazione in foto si è preferito sostituire il rivetto originale con due perni in acciaio inox AiSi316 d.6 mm saldati a TIG.

Una volta conclusa la riparazione della landa la si può incollare allo scafo per assicurarne la posizione.

Successivamente si procede alla stratificazione con fibra di vetro di vario tipo e resina poliestere o vinilestere.

 

Per riposizionare la botola asportata è consigliabile incollare delle strisce di vtr all'interno dello scafo, in modo da creare un appoggio stabile.

 

 

Per gli incollaggi si può usare mastice poliestere con fibrette tagliate.

Una volta in opera si può stuccare e rasare la botola finchè il risultato non aggrada l'occhio dell'armatore.

 

 

Una mano di vernice lucida completerà l'opera.

 

 

Voilà, con questa riparazione la nostra S potrà solcare i mari per altri 30 anni senza problemi

Buon Vento!

Ultimo aggiornamento Giovedì 13 Ottobre 2011 10:15
 


Powered by Joomla!. Designed by: website hosting company dutch domain names Valid XHTML and CSS.